Strategia di Sviluppo Locale 2014-2020


Progetti europei


Altre iniziative



Progetti realizzati


Archivio News

Multimedia

Link




       home
Ascom Confcommercio: strumenti a favore delle imprese dell’entroterra

30-01-2010 Il bilancio di questi anni di collaborazione con il GAL è del tutto positivo in quanto tutti i soggetti soci hanno lavorato sulla stessa lunghezza d’onda a favore della crescita sostenibile dei territori del Genovesato, attraverso la creazione di reti e di partership, affrontando problematiche e concretizzando proposte di interventi a favore delle imprese del commercio, turismo e servizi.
"Un obiettivo che da sempre Ascom Confcommercio si pone e porta avanti in tutte le sedi istituzionali è la tutela del tessuto economico e distributivo locale - interviene Antonio Ferrarini, vice presidente vicario ASCOM Genova -, troppe volte trascurato a favore di medie e grandi strutture di vendita che polverizzano le possibilità di crescita e mantenimento dei piccoli esercizi commerciali con i conseguenti effetti in termini socio-occupazionali”.
Queste imprese, e ancor di più quelle operanti nelle zone dell’entroterra, devono essere tutelate dal pericolo desertificazione anche nell’interesse dei residenti e della loro qualità della vita in quanto costituiscono una risorsa non solo economica e occupazionale, ma anche soprattutto in termini di vivibilità.
"Vogliamo ancora una volta sottolineare il ruolo sociale che queste imprese da sempre hanno ricoperto – prosegue Ferrarini - . La loro scomparsa comporta una serie di ricadute in termini di sicurezza e di servizio ancora più gravi se consideriamo che nella maggior parte dei casi facciamo riferimento a piccoli centri la cui popolazione residente è prevalentemente costituita da anziani”.
Tenere in vita queste attività assume ovviamente rilevanza anche in relazione alle condivisibili strategie volte alla valorizzazione di percorsi turistici dell’entroterra.
A tale scopo Ascom Confcommercio ritiene prioritaria l’individuazione di misure premianti e incentivi a beneficio di queste imprese, suggerimento recepito dalla Regione Liguria nel nuovo FIR Commercio attraverso un abbattimento dei tassi d’interesse dall’80 al 90% nei confronti di chi crede nelle potenzialità dell’entroterra e lì vuole investire.
Sempre a supporto di chi vuole investire intervengono anche i consorzi di garanzia fidi come Fidicom: cooperativa di operatori del terziario che gestisce i rapporti con il mondo bancario attraverso opportune convenzioni per finanziamenti a tassi primari, facendo ottenere il necessario credito alle imprese che necessitano di opportune migliorie strutturali o semplicemente di liquidità per la gestione del proprio mercato.
Affinché le zone dell’entroterra non si impoveriscano, oltre ad intervenire attivamente nei confronti di imprese che vogliono continuare ad esistere, è necessario affrontare la delicata questione della cessione come alternativa alla chiusura, lanciando un ponte tra vecchie e nuove imprese. A tale scopo Ascom Confcommercio ha sostenuto e supportato l’iniziativa della Camera di Commercio di Genova per il servizio informativo “trasferimento d’impresa – passaggio generazionale” attraverso l’apertura di sportelli dedicati nelle delegazioni Ascom di Chiavari e Sestri Ponente per impedire in tal modo che si perda un patrimonio di conoscenza ed esperienze e per agevolare una continuità aziendale.
"Molti “nuovi imprenditori”, infatti, non hanno la consapevolezza degli indubbi vantaggi che caratterizzano il rilevare un’impresa già operante (dalla esistenza di una Clientela fidelizzata ai rapporti con i fornitori – spiega il vicepresidente Ferrarini - , dall’accesso al credito all’immagine dell’esercizio ecc.) né della complessità (gestionale, economica, organizzativa, di posizionamento sul mercato) che è insita nell’avvio e nella gestione di un’impresa commerciale”.
Per fare fronte a questa complessità e per fornire ulteriore assistenza sia a nuove che a già avviate imprese interviene l’azione capillare del CAT Confcommercio Valfontanabuona e Tigullio, un centro di assistenza tecnica che persegue lo sviluppo dei processi di ammodernamento della rete distributiva del territorio di riferimento con particolare riguardo ad una azione di sensibilizzazione volta alla valorizzazione dello strumento “CIV” quale nuova tipologia distributiva a salvaguardia della piccola e media impresa.
"Lo strumento del Centro integrato di Via infatti permette di coniugare il recupero ed il mantenimento dei Centri commerciali storici – conclude Antonio Ferrarini - con l’elaborazione e il coordinamento di iniziative di promozione e marketing territoriale, attraverso la maggiore forza del consorzio rispetto alla singola azienda. I CIV rappresentano un “sistema” di fare impresa che nel corso degli anni ha dato vita ad una nuova tipologia distributiva: come Ascom, riteniamo sia importante non sottovalutare questo strumento nelle zone dell’entroterra mettendo in collegamento i vari CIV attivi nel territorio del Genovesato allo scopo di renderli maggiormente visibili e riconosciuti”.
 
 


Agenzia di Sviluppo Locale - GAL Genovese - P.IVA 01094850995  -  Informativa sui cookie credit