Strategia di Sviluppo Locale 2014-2020


Progetti europei


Altre iniziative



Progetti realizzati


Archivio News

Multimedia

Link




       home
La sfida ai cambiamenti climatici, parola d'ordine: collaborazione

10-02-2010 Alla tavola rotonda di approfondimento e discussione, organizzata presso il Centro di educazione ambientale di Torrazza nell’ambito del Forum “Tutto un altro clima”, hanno partecipato diverse autorità liguri e non, con le quali si è discusso circa le problematiche legate ai cambiamenti sia climatici sia economici che caratterizzano la nostra epoca e in che modo si può fare per riuscire a collaborare in maniera utile.
 “Molte tematiche non si è in grado di affrontarle se non si ha un assetto ben definito e un rispetto dei ruoli – è intervenuto Paolo Perfigli, assessore allo sviluppo economico, difesa del suolo della Provincia di Genova - . E il Contratto Fiume, su cui mi sono soffermarto in particolare, debbo dire che è un chiaro esempio di quello che dovrebbe essere un lavoro di cooperazione territoriale”.
Inoltre si è puntata l'attenzione su come l'uomo interferisca sulla natura nell'ambito delle proprie attività umane. Oggi lo sfruttamento delle risorse ha portato alla creazione di situazioni negative. Importanti sono i ruoli che devono avere i Centri di educazione ambientale, non solo in ambito scolastico.
Una problematica importante e da non tralasciare è legata al fatto che i tempi cambiano, i problemi che sorgono sono nuovi, ma le normative per affrontarli sono vecchie, vanno per singoli settori – ha detto Renata Briano, assessora al patrimonio naturalistico, caccia e pesca della Provincia di Genova – . Invece si dovrebbe lavorare in rete per cercare di coinvolgere le piccole realtà. A esempio nella Comunità Europea si è fatto, rivolgendosi ai singoli Comuni ed essendo in questo modo più vicini ai cittadini. Questo è sicuramente un cambiamento di tendenza”.
Anche il presidente della Comunità Montana Valli Genovesi Scrivia e Polcevera, Francesco Parodi, ha ribadito il concetto di 'fare rete': “Non occuparsi solo delle problematiche del singolo, ma dell'intera comunità, che deve riuscire a interagire con altre realtà. Mettere in condizione anche le aziende che operano sul territorio di seguire gli stessi procedimenti”.
Uno dei soggetti che si è mosso sul territorio ligure e continua a farlo è l’Agenzia di Sviluppo GAL Genovese: “Il nostro approccio è caratterizzato da un rapporto particolare nei confronti delle problematiche che affrontiamo in un'ottica produttiva – è intervenuta la presidente Marisa Bacigalupo - . Un altro elemento d'approccio è caratterizzato dalla ricerca di risorse finanziarie, che avviene tramite un'attività intensa, integrando ricerca e finanziamenti europei. Il nostro compito è quello di affrontare problematiche in ambiti differenti, utilizzando progetti pilota”.

Stefania Scappini


Agenzia di Sviluppo Locale - GAL Genovese - P.IVA 01094850995  -  Informativa sui cookie credit