Strategia di Sviluppo Locale 2014-2020


Progetti europei


Altre iniziative



Progetti realizzati


Archivio News

Multimedia

Link




       home
Piani regolatori dei piccoli Comuni. La Provincia arriva in soccorso

05-03-2010 I Comuni sotto i 5.000 abitanti sono tenuti ad elaborare entro il 2010 il Puc, il piano urbanistico comunale, l’ex piano regolatore. In provincia sono 27. Un impegno tecnico programmatorio di non poco conto per enti che spesso non hanno in organico neppure un dirigente, tanto meno un urbanista e si dovrebbero rivolgere a professionisti con costi fuori dalla portata del loro bilancio.
Per questo il Consiglio provinciale di Genova ha approvato una delibera che prevede di collaborare con questi Comuni, tramite i propri uffici tecnici, per la realizzazione del Puc. Inoltre la direzione pianificazione della Provincia attiverà accordi con l’ordine degli architetti per attivare, attraverso un bando pubblico, collaborazioni con giovani professionisti iscritti da meno di cinque anni all’albo che si affiancheranno, retribuiti, agli architetti della provincia.
L’obiettivo è duplice: agevolare i comuni ad assolvere un obbligo di legge, che se disatteso porta anche allo scioglimento del consiglio comunale, e facilitare l’avviamento alla pratica professionale di giovani laureati, iscritti all’albo, non con stage, ma con un vero e proprio incarico professionale, per cui rispettano anche le regole della libera concorrenza.
I Comuni interessati al provvedimento sono: Bargagli, Campo Liigure, Castiglione Chiavarese, Fascia, Favale di Malvaro, Gorreto, Isola del Cantone, Masone, Mignanego, Neirone, Pieve ligure, Portofino, Rezzoaglio, Rondanina, Rovegno, Tiglieto, Torriglia e inoltre Carasco, Casella, Cicagna, Moconesi, San Colombano Certenoli, S. Stefano d’Aveto, Sori, Zoagli. Alla prima parte della lista potranno essere destinati sino a 22.757 euro, alla seconda mille euro in più.


Agenzia di Sviluppo Locale - GAL Genovese - P.IVA 01094850995  -  Informativa sui cookie credit