Strategia di Sviluppo Locale 2014-2020


Progetti europei


Altre iniziative



Progetti realizzati


Archivio News

Multimedia

Link




       home
Alla ricerca del libro di Anna Gosetti della Salda

17-11-2011
E' già un successo editoriale la diciassettesima edizione de “Le Ricette Regionali Italiane”, il libro di Anna Gosetti della Salda edito dalla Casa Editrice Solares, che si candida a ricoprire il ruolo di strenna cult per gli appassionati di cucina e tradizioni gastronomiche, contrapponendosi con la sua autorevolezza e profondità ai tanti libri di ricette scritti da personaggi della tv a volte profani dei fornelli.
       
Intanto continuano ad arrivare importanti attestati di stima dal mondo enogastronomico. L'ultimo, clamoroso, da Luisa Valazza, cuoca del Ristorante Sorriso di Soriso (Novara), che dal palco della manifestazione Golosaria a Milano, ha dichiarato: “Io sono una cuoca autodidatta, e il mio libro di riferimento, sul quale ho imparato molto e che ancora oggi consulto, è il grande ricettario di Anna Gosetti della Salda. Ne ho tre copie, una l'ho regalata a mia figlia”.
       
Dopo il commento entusiastico di Edoardo Raspelli sulla Stampa, che ricorda la ricetta delle lasagne verdi codificata da Anna Gosetti, ironico e pungente è il commento dello scrittore Paolo Granzotto, apparso sulle pagine del Giornale: “Non è un semplice ricettario, ma un monumento alla verace e sfolgorante tradizione culinaria. Alla faccia dei sifonatori, della cucina fusion, innovativa, multietnica o criogena che manda in sollucchero i tordi”. Gianni e Paola Mura, invece, sul Venerdì di Repubblica sottolineano come “le note in corsivo, che accompagnano molte delle 2174 ricette, testimoniano del puntiglio dell'autrice”. E Valerio Visintin nel suo blog del Corriere della Sera “Mangiare a Milano” arriva a dire: “A tre passi dai cinquant’anni, ci si accorge di aver trascorso!
 sui libri il tempo che basta per poter azzardare finalmente un pantheon delle proprie letture. In questa schiera ristretta, tra Fenoglio e Hemingway, ho posto Anna Gosetti della Salda e il suo Le ricette regionali italiane”.
       
“Le Ricette Regionali Italiane” sarà presentato domenica 20 novembre (ore 16) durante Golosaria Torino (Nuova Piazza dei Mestieri – via Jacopo Durandi) nel talk show “Dall'Artusi ad Anna Gosetti della Salda: l'Italia unita dalle cucine regionali".

A simboleggiare l'unità d'Italia a tavola,  tre personaggi con le mani in pasta dal Piemonte alla Sicilia: Davide Scabin e Antonino Cannavacciuolo (chef rispettivamente del Combal.Zero di Rivoli e del Villa Crespi di Orta San Giulio) e Benedetta Poretti, responsabile comunicazione Cantine Florio. Sul palco dialogheranno con Paolo Massobrio anche Roberto Bava (ideatore della mostra “Cent'anni di Menù. Il vino nel menù d'autore dalla lista cibaria al tablet”) e i giornalisti Paola Gula e Fabio Molinari.
       
Un appuntamento che ribadirà l'importanza di questo libro nella storia della cucina italiana, tanto più nell'anno che celebra i 150 anni dell'Unità d'Italia. Una cucina italiana che, come spiega lo stesso titolo dell'opera di Anna Gosetti, non esiste con una precisa e omogenea identità, ma trae la sua forza dal grandissimo patrimonio di culture culinarie legate visceralmente al territorio d'origine: una regione, una provincia, molto spesso una singola vallata.
       
Nelle 1204 pagine dell'elegante volume sono racchiuse 2174 ricette, suddivise per regione nella classica partitura “antipasti e salse” “minestre (asciutte e in brodo)”, “pesci”, “verdure”, “piatti di mezzo” e “dolci”. Il libro è in vendita al prezzo di 49 euro. La nuova edizione de “Le Ricette Regionali Italiane” rappresenta il primo tassello di una più ampia comunicazione voluta da Alessio Brando Ravà, parte integrante di un entourage di “famiglia” caro ad Anna Gosetti della Salda: da pochi giorni è online (ancora in aggiornamento) il nuovo sito www.edizionisolares.it, tutto dedicato all'opera di Anna Gosetti della Salda.


Agenzia di Sviluppo Locale - GAL Genovese - P.IVA 01094850995  -  Informativa sui cookie credit