Strategia di Sviluppo Locale 2014-2020


Progetti europei


Altre iniziative



Progetti realizzati


Archivio News

Multimedia

Link




       home
Il bioparco a Torino. Un esempio per l'entroterra ligure

16-04-2013
Valorizzare un’area dell’entroterra vicino ad una grande città e farla diventare un’attrazione turistica mettendo al centro gli aspetti ambientali? A Torino è stato reso possibile.
Un esempio da trarre spunto per creare nuove iniziative anche in Liguria, magari coordinandole con l’Acquario di Genova.
In Piemonte, a circa trenta minuti dal centro della città sorge infatti “ZOOM Torino”, il primo bioparco immersivo italiano, una struttura unica sul territorio nazionale che, seguendo la filosofia della Landscape Immersion, fa vivere al visitatore il fascino e le emozioni della natura. ZOOM Torino offre un viaggio evocativo in continenti simbolo di biodiversità gravemente a rischio, un percorso affascinante e suggestivo durante il quale conoscere le specie animali e i loro habitat attraverso l’esperienza diretta e l’educazione alla conservazione. Questo bioparco nasce nel 2009 da un’idea imprenditoriale di Gian Luigi Casetta, ingegnere con master in Business Administration presso IESE (Barcellona) che, a seguito di viaggi ed esperienze lavorative all’estero, in particolare in Africa e negli Stati Uniti, ha sviluppato un progetto di riconversione del parco precedentemente noto come Laghi Baite: da spazio ludico immerso nel verde a un’area innovativa, educativa ed esperienziale grazie alla quale apprendere, studiare e tutelare la biodiversità e le specie animali a rischio estinzione.
Il parco si sviluppa su una superficie di circa 160.000 mq, senza gabbie e recinzioni, ma solo con laghi, corsi d’acqua, cespugli o barriere naturali. Un percorso pedonale, articolato tra i vari habitat, dove gli ospiti possono entrare in contatto con gli animali in totale sicurezza. Gli habitat sono stati aperti in maniera modulare: ogni anno infatti è stata inaugurata una nuova ambientazione in modo da privilegiare la qualità dei processi costruttivi e garantire una gestione ottimale degli arrivi delle diverse specie animali.
ZOOM Torino presenta oggi 6 differenti ambientazioni – Serengeti, Madagascar, Bolder Beach, Sumatra, Anfiteatro di Petra e Fattoria del Baobab – rappresentative di due continenti: Asia e Africa.
Proprio in questi giorni il bioparco è stato infatti arricchito di un nuovo habitat multi-specie “Serengeti”, unico in Italia, che riproduce la Savana africana e che ospiterà oltre 70 animali tra cui giraffe, zebre, gnu, antilopi, gazzelle, rinoceronti e differenti volatili tra i quali gru coronate, marabu e struzzi.
Il primo ed unico, in Italia, dove è possibile scoprire a piedi circa 20 specie, tra erbivori e volatili caratteristici della savana africana, che convivono e interagiscono nello stesso ambiente, senza gabbie o recinzioni, separati dai visitatori solo da barriere naturali come formazioni rocciose, alberi e corsi d’acqua.
 
15.000 mq per un walk safari emozionante tra oltre 70 animali, tutti provenienti da bioparchi europei come garantito dal programma d’interscambio dell’associazione EAZA e che in natura, in molti casi, sono a rischio di estinzione.
 Un angolo d’Africa ricreato alle porte di Torino per ospitare animali come giraffe, zebre, gazzelle, struzzi e rinoceronti, che solo l’1% della popolazione mondiale ha la possibilità di vedere nel loro habitat naturale.
L’habitat Serengeti, a differenza dei numerosi safari park in auto italiani, è l’unico in Italia che regala al visitatore l’emozione di un walk safari all’interno di un ambiente unico multi specie senza barriere tra i diversi animali: senza auto per una visita eco-sostenibile, fuori dal tempo, suggestiva e a stretto contatto con gli animali.
 Arricchiscono l’esperienza africana: il Centro Ricerche del Serengeti: un’area ludico/educativa accessibile a tutti i visitatori che ricrea una palafitta di esploratori e dove trovare informazioni sugli animali e realizzare foto speciali e divertenti; il Belvedere delle giraffe con una balconata a 3 metri di altezza da dove i visitatori possono vedere le giraffe da vicino e, accompagnati dai keeper, dar loro da mangiare.
Con i “Talk Serengeti”i keeper illustrano le particolarità della savana africana e le specificità di alcuni degli animali presenti nell’habitat, come ad esempio il rinoceronte bianco, le zebre e le antilopi, raccontandone anche le curiosità che caratterizzano ogni specie.
 
Il nuovo habitat Serengeti è nato con la volontà di rappresentare uno dei più affascinanti ecosistemi del mondo – spiega Gian Luigi Casetta, Direttore di ZOOM Torino – ed è stato realizzato, a garanzia del benessere degli animali, unendo e utilizzando i più alti standard qualitativi di riferimento per i moderni giardini zoologici.”.
ZOOM Torino porta in Italia una nuova concezione di giardino zoologico seguendo l’esempio di importanti realtà mondiali tra le quali: lo Zoo di Singapore, in USA il Woodland Park Zoo di Seattle, dove per la prima volta è stato introdotto il concetto di Landscape Immersion, l’Animal Kingdom W.D. di Orlando e il Bronx Zoo di New York, in Germania lo Zoo di Hannover e in Spagna il Bioparc Valencia e il Bioparco di Fuengirola.
Il nome “ZOOM” è stato scelto perché è un mix/match di due parole simili ma con significati differenti. Rappresenta non solo l’abbreviazione della parola “zoologico” ma anche lo “zoom ottico” della macchina fotografica. “ZOOM” ci parla di qualcosa che possiamo vedere molto da vicino. Meglio: di qualcosa a cui possiamo avvicinarci molto. Al tempo stesso, la parola descrive un gesto tecnico, di ripresa e osservazione, che allude a un lavoro di studio, ricerca e attenzione molto accurato”.
ZOOM Torino sarà aperto tutti i giorni, dal 1 aprile.
Orario: feriale 10,00 – 18,00; sabato, domenica e festivi 10,00 – 19,00
Biglietti: 18,50€ intero e 14,50€ ridotto. Per promozioni consultare il sito www.zoomtorino.it


Agenzia di Sviluppo Locale - GAL Genovese - P.IVA 01094850995  -  Informativa sui cookie credit